mercoledì 20 dicembre 2017

Gemma sarà presto Marilyn Monroe! [ESCLUSIVO]


Gemma Arterton era all' European Film Festival di Les Arcs all'inizio di questa settimana per presentare il suo nuovo film, The Escape, un film indipendente britannico di Dominic Savage, recentemente selezionato al Toronto Film Festival. Quasi tutto improvvisato, Gemma Arterton interpreta una donna che si sente intrappolata dalla sua coppia e dalla sua famiglia, in cerca di una nuova vita, una bella fuga. The Escape sarà distribuito in Francia il prossimo 25 Aprile.

In anteprima, ti invitiamo a scoprire un estratto dalla nostra intervista con l'attrice, intervista in cui ci rivela in esclusiva di aver recitato recentemente Marylin Monroe!

AlloCiné: The Escape sembra essere un film piuttosto speciale, per te, sia nella sua produzione che in termini di recitazione ...

Gemma Arterton, attrice e produttrice: Sì, è stato piuttosto straordinario per me. La maggior parte dei miei film finora erano molto sceneggiati, molto rigidi in termini di sceneggiatura. The Escape è il tipo di film che mi piace vedere. C'era un soggetto, un sentimento, una verità. Il modo in cui è stato realizzato il film è stato piuttosto strano. Ho incontrato Dominic Savage [il regista] molto tempo fa, 10 anni fa, penso. Mi aveva tenuto in un angolo della sua testa. Un giorno mi disse che voleva fare un film su una donna che si sente intrappolata, che vuole scappare, liberarsi. Questo argomento mi ha interessato molto. (...) Era la prima volta nella mia vita che lavoravo così. Ho davvero mostrato qualcosa di me stessa. È davvero un film diverso per me.

È un ruolo forte in cui devi piangere, essere in uno stato di tristezza quasi permanente. Non deve essere ovvio ...

Sì, infatti, tutto dipende dal ruolo. Ad esempio, la scorsa settimana ho interpretato Marilyn Monroe in un film per la TV, una commedia. C'era una scena in cui dovevo piangere e non potevo, perché era una commedia. Ero nella pazzia tutto il tempo.

Ma per The Escape, questo è il modo in cui abbiamo girato. La camera era ancora su di noi e non si sa mai quando iniziava o si fermava. Ci sono anche molte scene che non sono nel film, in cui abbiamo esplorato le cose. Ti immergi davvero nel ruolo.

Era la prima volta nella mia vita che dovevo sperimentare la depressione. Non ne soffro io stesa, ma durante le riprese non mi sentivo bene. Ma allo stesso tempo non sono qualcuno che rimane in questo stato. È anche un lavoro. Ci sono stati momenti molto difficili per me, ma è stato anche divertente. (...)

Sei un produttore di The Escape. Hai in programma anche di dirigere un giorno?

Oh si! Sì, assolutamente. Ogni volta che sono su un set, guardo il regista. Ci penso. E con una sceneggiatura perché non sarò in grado di fare ciò che ha fatto Dominic Savage. Devi avere il film nella tua testa. Non ho la capacità di vedere nulla nella mia testa. Ma posso lavorare con comici, e soprattutto con il ritmo. Potrebbe essere una commedia.

Ma devo trovare la storia che voglio raccontare. Ho letto un libro l'altro giorno e mi sono innamorata, ma i diritti non sono disponibili. Questo è quello che mi piacerebbe fare. Riguarda le sorelle. È una commedia ma anche molto tragica e commovente.

© 2007-2017 Adam Katz Sinding
Quando ti abbiamo incontrato per Gemma Bovery 3 anni fa, ci hai detto che avevi un agente in Francia e che volevi continuare a girare in Francia. C'è stato Orpheline, ma mi chiedo se ci sono altre proposte..

Sono in un periodo della mia vita in cui sto lavorando su qualcosa, è davvero fantastico. Non voglio lavorare per lavoro. Ora produco anche io Ho investito molto in questi progetti.

Mi è stato offerto un sacco di film in Francia, ma non mi hanno fatto davvero desiderare. Ma ci sono molti registi con cui mi piacerebbe lavorare. Ma vedremo! Sono abbastanza selettiva in questo momento. Adoro lavorare in Francia e penso che il cinema francese sia vicino sempre di più per i miei gusti. Ma ho ancora il mio agente francese.

Puoi dirci di più su questo progetto di cui stavi parlando in cui interpreti Marilyn Monroe?

Si chiama 'It's me, Sugar'. Riguarda il film A qualcuno piace caldo. Marilyn Monroe era in un periodo della sua vita davvero turbata. Ha preso un sacco di droghe, ha bevuto molto. Era la più grande star del mondo, aveva molta attenzione su di lei, molta pressione. Lei è eccezionale nel film. Ma c'è una scena, quando arriva alla porta, dice "Sono io, Sugar." Ci sono voluti 47 ciak per realizzare questa scena. Il film parla di quel momento, la crisi che ha avuto. È divertente perché è stupido non riuscire a dire "Sono io, Sugar". Ha fatto tutte le varianti. È anche tragico.

È un periodo cinematografico che adoro. Billy Wilder è uno dei miei registi preferiti. Ho sempre avuto un fascino per Marylin Monroe. Il regista è Sean Foley. Preferisce il teatro, la commedia di solito. Ma l'anno scorso ha fatto un film intitolato Mindhorn, una bizzarra commedia inglese. Era un comico prima. Trovo che i registi che hanno fatto la commedia prima siano migliori. È difficile fare una buona commedia, perché richiede ritmo. È davvero difficile.

Ti piacerebbe fare un po 'più di commedia? Quando ti vediamo, ridi molto, liberi una gioia di vivere, ti si addice bene per fare commedia, giusto?

Assolutamente! Quest'anno mi sono detta che volevo fare un lavoro che dia gioia! Anche questo non è il caso di The Escape. In effetti, è piuttosto triste essere in Inghilterra in questo momento. Voglio fare cose più divertenti. Ieri ho parlato con Dominic Savage [il regista di The Escape] per fare un nuovo film insieme, con lo stesso metodo di lavoro, con l'improvvisazione. Ma per un progetto più gioioso, gioia. Lui ha acconsentito. Mi ha detto: "Penso che la prossima volta dovremmo fare un film divertente". Perché quando improvvisi, come nel film The Escape, ci sono sempre ciak divertenti, ma non possiamo tenerli per questo film. Ci sono sempre catture inaspettate. Ma tengo d'occhio una commedia britannica molto grande il prossimo anno. Vedremo.

Gemma Arterton con Elizabeth Debicki in "Vita & Virginia"

Hai altri progetti in arrivo?

Ho appena realizzato un film intitolato Vita & Virginia, che parla di Virginia Woolf e Vita Sackville-West. È un film che produco anch'io. Interpreto Vita Sackville-West. L'attrice australiana Elizabeth Debicki interpreta Virginia. Il film sarà pronto per i festival. C'è molto interesse, eccitazione per Virginia Woolf in tutto il mondo. Anche prima di girare il film, i festival ci chiedevano di aprire un festival. È bello ma c'è un po 'di pressione! (ride)

Articolo originale: allocine


Traduzione a opera di Gemma Arterton Italia

Nessun commento:

Posta un commento